Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 17 Febbraio 2019

Anche quest’anno, il movimento internazionale dei piccoli attrezzi ricomincia il suo cammino dalla Russia, dove questo weekend avrà luogo la prima tappa di Grand Prix. Questa, considerata un po’ come la “prima gara dell’anno” per molte ginnaste di livello internazionale, sarà in programma oggi e domani alla State Concert Hall di Mosca, la stessa location del Torneo Junior che ha visto protagoniste le nostre piccole campionesse.

Tra le ginnaste individualiste presenti spuntano i nomi delle gemelle Dina e Arina Averina e Alexandra Soldatova, che hanno vinto nel 2018 numerosi riconoscimenti internazionali, tra cui quello di campionesse del mondo nel concorso per nazioni all’ultimo Mondiale di Sofia. Su di loro, c’è tanta attesa, dal momento che in questa competizione presenteranno i nuovi esercizi, che si annunciano ricchi di difficoltà di corpo e d’attrezzo.

Tra i nomi di fama internazionale, scenderanno sulla pedana russa alcune delle protagoniste del nostro campionato di Serie A1 e A2 come le connazionali Ekaterina Selezneva e Daria Trubnikova, la slovena Ekaterina Vedeneeva, la georgiana Salome Pazhava, la finlandese Rebecca Gergalo e l’uzbeka Sabina Tashkenbaeva.

Per la gara a squadre, si conferma la presenza della squadra di casa, che come per le colleghe individuali, avrà occasione di presentare le due nuove composizioni, una con 5 palle e l’altra con 3 cerchi e 4 clavette.

In contemporanea alla tappa di Grand Prix, nella mattinata di domenica si terrà il Torneo Internazionale “Gazprom Cup”, che non avrà finali di specialità.

A entrambi i Tornei non parteciperanno le ginnaste della nazionale italiana, in quanto impegnate nella preparazione dei prossimi impegni stagionali.

La gara sarà trasmessa in diretta sul canale YouTube "RGYMRUSSIA" e le entries sono disponibili nella sezione allegati.

Con la Serie A ferma per dare spazio alla Serie C (la prossima tappa andrà in scena il prossimo weekend a Desio), alcune tra le specialiste dei piccoli attrezzi italiani ed internazionali non si fermano e continuano la loro preparazione in vista dei prossimi impegni stagionali, mentre altre colgono l’occasione per testare gli esercizi in campo internazionale.

E questo è il caso di due società impegnate in queste settimane nel nostro campionato: l’ASU di Udine e la Forza e Coraggio di Milano, che prenderanno parte rispettivamente all’ “Indian RG Cup” di Hyderabad (India) e alla “Gracia Fair Cup” di Budapest (Ungheria).

Nella prima competizione citata, che sarà un gradito debutto nel calendario internazionale parteciperanno oltre all’Italia, anche le ginnaste di Slovenia, Sri Lanka, India, Thailandia e Malesia. Per l’Italia saranno presenti Tara Dragas e Lara Paolini, entrambe tesserate per l’ASU di Udine e in gara nelle competizioni Junior e Senior, che verranno seguite live sul canale YouTube “Marc’s Vaulting & Gymnastics Videos”.

Sempre nello stesso weekend gli occhi della Ritmica saranno puntati su Budapest per la Gracia Fair Cup, che ogni anno è sempre più partecipata da ginnaste di alto livello. A questo importante appuntamento di livello internazionale in programma nella capitale magiara ci saranno Viola Sella, Alessandra Rondelli, Gaia Bighini e Giorgia Rovere, alcune delle ginnaste facenti parte della formazione della Forza e Coraggio (impegnata in queste settimane nel campionato di Serie A2) e che gareggeranno nella categoria Junior.

È un’Italia che regala soddisfazioni, quella che è scesa oggi sulla pedana dello State Concert Hall di Mosca per il Torneo Internazionale dedicato alla categoria Junior di squadra e individuale, svolto in concomitanza della prima tappa di Grand Prix.

La competizione ha preso il via con il concorso per nazioni: a vincere è stata la Russia (Sofiya Agafonova, Anastasia Simakova, Aleksandra Skubova, Dariia Sergeeva) che con un totale di 88.850 ha ottenuto la prima posizione.
Bel secondo posto per le nostre Sofia Raffaeli e Eleonora Tagliabue: le due azzurrine, tesserate rispettivamente per la Società Ginnastica Fabriano e la San Giorgio ’79 di Desio hanno portato a casa una bella medaglia d’argento con un totale di 63.700, seguite dall’unica rappresentante di Israele Asya Adi Katz che ha chiuso terza con 61.800, punteggio col quale ha vinto anche il concorso generale individuale.

Nella competizione a squadre c’è stato il tanto atteso debutto della squadra italiana giovanile (Siria Cella, Serena Ottaviani, Giulia Segatori, Alexandra Naclerio, Simona Villella, Vittoria Quoiani), che ha incominciato con questa prima esperienza in campo internazionale a farsi ben notare, portando a casa una meravigliosa medaglia d’argento con il totale sui due esercizi di 34.700, precedute da un’inarrivabile Russia con 41.200 e seguite da Israele, distanziate dal secondo posto di soli 0.35.

Subito dopo si sono tenute le finali di specialità, che hanno visto l’Italia protagonista con una straordinaria Sofia Raffaeli  che ha conquistato due argenti nelle finali a palla e clavette con rispettivamente 18.750 e 18.300. Niente da fare invece per Eleonora Tagliabue, impegnata a fune e nastro, che chiude le sue finali al settimo e sesto posto con rispettivamente 12.850 e 12.700.

Rimangono un po’ “a bocca asciutta” anche le piccole della giovanile: dopo il meraviglioso argento del concorso generale portano a casa un quarto posto nella finale coi 5 cerchi, ottenendo un buon 18.700, mentre ai 5 nastri chiudono quinte con 14.050 a causa di una serie di errori gravi, tra cui un fuori pedana con l’uscita di uno dei nastri e di una ginnasta.

Nonostante questo c’è una certezza: la prima prova dell’Italbaby dei piccoli attrezzi è andata a buon fine, ma c’è ancora molto da fare in palestra in vista dei prossimi appuntamenti internazionali di categoria! Intanto l’Italia con la somma ha fatto… ARGENTO!

É possibile consultare i risultati al seguente link: http://vfrg.ru/competitions/granpri-moskva/results/#f28614

Sabato 16 Febbraio alle 15:30, il PalaDesio, prossimo ad ospitare la terza tappa di Serie A, sarà sede di una nuova seduta di allenamento a porte aperte della Nazionale Italiana di Ginnastica Ritmica.

La nazionale al gran completo, allenata da Emanuela Maccarani e dallo staff dell’Accademia Internazionale di Ginnastica Ritmica, presenterà i due nuovi esercizi per questo biennio, che prevedono una routine con 5 palle e una con 3 cerchi e 4 clavette.

L’ingresso all’allenamento è gratuito.

Mancheranno qualcosa come un anno e mezzo alle Olimpiadi di Tokyo 2020, ma a fare notizia in questi giorni è una svolta alquanto curiosa: le medaglie dei prossimi giochi olimpici e paralimpici saranno fatte di rifiuti elettronici.

Nel 2017, è stato istituito un progetto di sostenibilità ambientale, che ha visto coinvolti in modo attivo i cittadini della capitale giapponese, invitati a riporre i vecchi apparecchi elettronici come cellulari e tablet in appositi contenitori, con l’obiettivo di raccogliere 30.3 chilogrammi di oro, 4.100 chilogrammi d’argento e 2.700 chilogrammi di bronzo.

A Giugno dello scorso anno, é stato raggiunto l’obiettivo per le medaglie di bronzo, mentre per l’oro e l’argento la procedura è a buon punto, in quanto sono stati raccolti rispettivamente 28.4 e 3.500 chilogrammi.

Non è la prima volta che le medaglie olimpiche vengono fatte con materiale riciclato: alle Olimpiadi Invernali di Vancouver 2010, i riconoscimenti per i migliori tre classificati erano stati prodotti con una serie di leghe ottenute dal riciclo di vecchi apparecchi tecnologici fuori uso.

Ma le medaglie non saranno l’unico lato “green” della manifestazione a cinque cerchi: durante i Giochi verranno introdotti degli autobus a idrogeno e tutte le strutture sportive saranno localizzate nell’arco di 8 chilometri dal villaggio olimpico.

La Federazione Ginnastica d’Italia ha ufficializzato nelle scorse ore i nomi che partiranno alla volta della Russia per disputare il primo torneo internazionale Junior della nuova stagione, in programma giovedì 14 Febbraio a Mosca, la stessa città che in estate ospiterà il primo mondiale Junior della storia della Ginnastica Ritmica.

Per la categoria individuale ci saranno Sofia Raffaeli e Eleonora Tagliabue, tesserate rispettivamente per la Società Ginnastica Fabriano e la San Giorgio ’79 Desio. Ad accompagnarle ci saranno le allenatrici Kristina Ghiurova e Elena Aliprandi, quest’ultima impegnata anche nelle vesti di capodelegazione.

Nel concorso a squadre, invece, ci sarà il debutto ufficiale della squadretta, allenata da Julieta Cantaluppi, che recentemente si è esibita alla seconda prova di Serie A di Bologna. Il sestetto che scenderà sulla pedana russa sarà composto da Siria Cella (Auxilium Genova), Alexandra Naclerio (Club Giardino Carpi), Vittoria Quoiani (Armonia d’Abruzzo), Serena Ottaviani (Società Ginnastica Fabriano), Giulia Segatori (Auxilium Genova) e Simona Villella (Kines Catanzaro).

Completeranno la delegazione le ufficiali di gara Marta Pagnini e Alexia Agnani e il fisioterapista Alessandro Calcinaro.

Si sono conclusi nella giornata di domenica 3 Febbraio i due giorni dedicati alla prima prova interregionale del Campionato di Serie C, svolta tra Biella, San Marino e Bari.

La formula vede lo svolgimento di tre prove, in programma tra Febbraio e Marzo, e la prima classificata per ogni zona tecnica, otterrà la promozione diretta al campionato di Serie B del 2020.

A Biella, è andata in scena la competizione riservata alle ginnaste del Nord-Ovest e Nord-Est Italia, appartenenti alle zone tecniche 1 e 2.
Per la zona tecnica 1, la vittoria è andata all’ASD Etoile (Stefania Straniero, Anna Poggi, Sofia Moscano) che con un totale di 64.550 ha dominato sulle 21 squadre scese in pedana. Seguono sul podio la Ritmica Piemonte (Sofia Righi, Alessia Toscano, Michelle Carpanzano, Giorgia Anselmi) e la Ginnastica Riboli (Chiara Milanta, Elisa Costa, Bianca Folegnani, Rebecca Grazioli), che hanno chiuso la competizione con un totale di 62.600 e 61.950.
Per la zona tecnica 2, è la Polisportiva Varese (Sofia Maffeis, Alice Del Frate, Chiara Albè) a dominare questa prima prova con un totale di 71.100. Con loro sul podio due società impegnate nell’attuale campionato di Serie A1, la San Giorgio ’79 di Desio (Chiara Dell’Era, Gaia Pozzi, Giorgia Galli) argento con 68.500 e l’Udinese (Alessandra Saltarini, Arianna Cos, Raisa Marina, Tara Dragas), bronzo con 62.950.

A San Marino sono scese in pedana le ginnaste del Centro Italia, appartenenti alle zone tecniche 3 e 4.
Per la zona tecnica 3, vittoria per le emiliane del Club Giardino di Carpi (Ilaria Giovanelli, Elisabetta Lamberti, Aurora Montanari, Elisa Badioli) che chiudono la gara con un totale di 76.850, seguite dall’Armonia d’Abruzzo (Alice Capozucco, Enrica Paolini, Chiara Crisci) con 68.350 e dalla Fenice di Spoleto (Benedetta Risi, Lavinia D'Amato, Ludovica Serafini) con 63.900.
Nella zona tecnica 4, a dominare è stata la Raffaello Motto Viareggio (Arianna Musetti, Marzia Tarquini, Juna Campomagnani, Alessia Cuorvo) con 72.450, seguite dall’Iris Firenze (Carlotta Vettori, Viola Simonelli, Aurora Corradino, Micol Masetti, Monica Marchidan) con 66.250 e dalla Polimnia Ritmica Romana (Lucrezia Orazi, Silvia Minuz, Ludovica Leuzzi, Martina Gargaro) con 59.650.

Chiudiamo il nostro resoconto con la zona tecnica 5, che ha visto impegnate sulla pedana di Bari le ginnaste del Sud Italia.
Vittoria per le calabresi della Kines di Catanzaro (Alessandra Arnò, Alessia Starace, Alice Manfredi) che chiudono la competizione con un totale di 63.750. Completano il podio l’Artemisia Catania (Ilenia Bonaccorsi, Irene Agostinelli, Carola Palestro) e l’Evoluzione Danza (Zhenina Stefanova Trashlieva, Annunziata Orlando, Alessia Surricchio) che chiudono con rispettivamente 57.300 e 57.050.

Le classifiche complete sono disponibili nella sezione allegati.

Il prossimo appuntamento sarà in programma il weekend del 16 e 17 Febbraio a Montegrotto Terme (Zona Tecnica 1 e 2), Pisa (Zona Tecnica 3 e 4) e Eboli (Zona Tecnica 5).

Nel fine settimana appena trascorso si è disputata ad Asker, comune norvegese alla periferia della capitale Oslo, l’Asker Cup, considerato come uno dei tornei internazionali di inizio stagione.

Nonostante l’assenza delle nazioni più forti, la gara andata in scena nella due giorni norvegese ha visto in pedana alcuni nomi di fama internazionale e anche qualche “debutto” nella massima categoria.

Nelle Senior, la vittoria nel concorso generale di sabato è andata alla finlandese Rebecca Gergalo: per la giovane nativa di Helsinki, in questi giorni impegnata con l’Ardor Padova nel campionato di Serie A2, è arrivata la vittoria sui quattro attrezzi con un punteggio di 64.500.
Con lei sul podio due debuttanti nella categoria Senior: la moldava Elizaveta Iampolskaia e l’atleta di casa Josephine Juul Møller, che hanno chiuso al secondo e terzo posto con rispettivamente 59.800 e 57.100.

Oltre all’oro nel concorso generale, Rebecca ha conquistato anche l’oro nelle finali a cerchio, palla e nastro e un argento alle clavette.

Malgrado l’assenza delle nostre ginnaste, l’Italia è stata ben rappresentata nella giuria di questa due giorni norvegese: tra le giudici presenti in campo gara c’era anche Marta Pagnini, capitana della nazionale italiana nel precedente ciclo olimpico e attualmente impegnata in numerose trasferte in giro per il mondo.

É possibile accedere ai risultati al seguente link: http://rgresultater.no/competition/5c50ad2244816b0b669c9a27/participants?

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments