25.5 C
Rome
martedì, 7 Luglio, 2020

#INTERVISTA4 AEROBICA e ripresa

In Evidenza

Ginnastica in TV, la FIG chiude accordo con Eurovisione

La Federazione Internazionale di Ginnastica e l’Eurovisione hanno annunciato, qualche giorno fa, di aver raggiunto un accordo per la cessione dei diritti...

DL Rilancio, le novità in materia sportiva

Il Decreto Legge "Rilancio", già DL Aprile, è stato ufficialmente presentato ieri sera, dal Premier Conte, in conferenza stampa.

Eleonora Rando sul caso Hernandez: “avrei potuto scriverle io quelle parole”

La notizia di ieri della sospensione di 8 anni a carico di Maggie Haney, allenatrice di Laurie Hernandez, ha scatenato non poche...

Enrico Casella: “pronti a ripartire ma strada in salita”

Per la nostra serie di interviste volte a dar voce ai protagonisti del mondo della Ginnastica, quest’oggi, abbiamo raggiunto il Direttore Tecnico...

Per la nostra rubrica #INTERVISTA4 il settore dell’Aerobica attraverso quattro tecnici che ci raccontano diversi punti di vista sul periodo Covid-19: dallo stop di allenamenti e competizioni, alla ripresa in palestra e al futuro del settore e dello sport azzurro. In questo appuntamento le opinioni della DTN Luisa Righetti, Barbara Botti (Aerobica Evolution), Barbara Gamba (Polisportiva Comunale Ghisalbese) e Federica Ronga (ASD Sportinsieme).

Come state vivendo questo periodo di quarantena?

LR: La quarantena è stata vissuta facendo tante attività prima fra tutti lo studio e mantenendo comunque l’efficienza fisica con programmi casalinghi.

BB: Inizialmente in modo incosciente, poi la paura della città come luogo di contagio, ma uniti, anche se a distanza, abbiamo affrontato questa situazione di impotenza a noi sconosciuta e le nostre paure.

BG: Non è facile… tutto avviene a distanza; questo maledetto virus invisibile, non ci ha più permesso di allenarci insieme. Abbiamo imparato a condividere virtualmente ogni gioia, fatica e pure il piacere di un semplice abbraccio.

FR: All’inizio la situazione fu presa sotto gamba, ma perchè non eravamo pronti noi, e nessuno, ma quando la realtà è diventata così evidente abbiamo capito la gravità di questa pandemia, mettendo tutto da parte per la salute. Eravamo spaventati perchè non sapevamo a cosa andavamo incontro, così ci siamo riuniti e dati da fare.

Come è stato dover interrompere di colpo la preparazione?

LR: È stato difficile per tutti accettare di interrompere sul più bello, alla vigilia di importanti competizioni nazionali e internazionali con i “motori caldi”!

BB: Eravamo pronti, mancava una settimana al campionato regionale, che segna l’inizio delle competizioni annuali, ma lo Tsunami che ha colpito la nostra città ha lasciato poco tempo ai rimpianti per la mancanza delle gare.

BG: Uno stravolgimento per tutti. Siamo stati chiamati a cambiare le nostre abitudini di vita e ad osservare regole che restringono la nostra libertà in primis è stata devastante la notizia dell’annullamento di ogni tipo di competizione.

FR: E’ stato devastante, si è interrotta ad una settimana prima dell’inizio del campionato, eravamo carichi per iniziare la stagione. E’ difficile da digerire quando arrivano degli appuntamenti e non puoi gareggiare, poi ci ripensi e dici che è andata così per tutti, cercando di tenere alto il morale ai ragazzi, per cui è stata una situazione davvero pesante.

Come vi siete dovuti riorganizzare con gli allenamenti?

LR: L’attivita è ripresa con una blanda attività fisica e ora che siamo di nuovo in palestra con 5 mesi a disposizione prima che si torni a competere, si stá facendo una graduale e importante preparazione fisico-tecnica.

BB: Non avevamo idea di quanto tempo avremmo dovuto passare rinchiusi e quindi inizialmente gli allenamenti sono stati improntati su tipologie di pre gara poi, con l’uscita dei nuovi decreti, ci siamo orientati su piani di mantenimento utilizzando, schede e video nonchè la piattaforma di Zoom per avere almeno il contatto visivo tra di noi, cercando di mantenere alta la motivazione con sfide di tutti i generi tra gli atleti delle diverse categorie.

BG: Agli atleti sono state assegnate schede tecniche da svolgere giornalmente con il compito della restituzione di video da postare sul gruppo societario, inoltre si sono incontrati virtualmente con delle video lezioni.

FR: Il nostro compito da allenatori è stato quello di mantenere il gruppo unito #distantimauniti. Con Zoom, dei programmi settimanali e delle piccole challenge, che ai ragazzi servivano a dare un senso al loro lavoro, in un momento in cui risultava difficile. E un plauso va proprio a loro, che si vede che hanno voglia di tornare alla loro normalità e vedere come lo sport sia il loro filo conduttore nella vita e non ne possono fare a meno.

Come vedete la ripresa delle attività e il futuro dello sport italiano?

LR: La ripresa sarà inevitabilmente graduale e si perseguiranno gli obiettivi con maggiore consapevolezza come immagino accada in tutto lo sport italiano, che considero una grande “scuola”.

BB: Abbiamo avuto l’autorizzazione per poter tornare in palestra mercoledì 3 giugno, è stata una strana sensazione, emozionante per quello che rappresentava ma nello stesso tempo anche con tanti interrogativi e tristezza nel cuore. C’è un grande bisogno di ragionare il presente, partendo da quello che sappiamo fare al meglio: vivere ! E per tutti gli sportivi vivere significa allenarsi e gareggiare. 

BG: Abbiamo ripreso a piccoli gruppi, siamo consapevoli che sarà una ripresa molto graduale ma vogliamo essere positivi e fiduciosi in un ritorno alla quasi normalità perché GRANDE è la nostra voglia di ritornare in pedana più forti e determinati che mai!

FR: Non lo so dire, sarà un processo lento. In palestra abbiamo un contatto continuo con loro, è davvero difficile soprattutto con i più piccoli. Spero in un rientro alla normalità mantenendo le dovuto precauzioni. Penso che purtroppo lo sport sia uno degli ultimi settori a cui si da rilievo in Italia, ed è un peccato perchè racchiude tanti professionisti e tanti individui, ed con la crisi economica non so quanti iscriveranno ancora, soprattutto nello sport di base. Ma sono positiva che i genitori sceglieranno di iscriverli.

Sostieni GINNASTICANDO.it : mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

Lo Staff di GINNASTICANDO.it svolge quotidianamente il suo lavoro offrendo contenuti gratuiti dall'intero mondo della Ginnastica: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste, foto e tanto altro. Questo, mosso solamente da pura passione. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Il tuo sostegno quindi, anche minimo, può essere di enorme aiuto per la nostra attività. Fai la tua donazione cliccando il bottone di seguito.
Diventate utenti sostenitori.
Grazie

Fabio Castelli


Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie

Campionati Europei: novità in vista del 2021

Con il rinvio dei Campionati Europei al 2021 di Trampolino Elastico, Tumbling e Double-Mini (Sochi, 29 Aprile-2 Maggio 2021) il Comitato Esecutivo...

Masterclass con le Campionesse: a Fabriano è possibile!

Si sono aperte oggi le iscrizioni per partecipare alle masterclass organizzate dalla Faber Ginnastica Fabriano, club trevolte Campione d’Italia di Serie A1.I...

VIDEo – intervista LIVE con Ilaria Leccardi

Tornano le nostre interviste, questa sera alle ore 19, IN DIRETTA dal nostro salotto virtuale con la giornalista e scrittrice Ilaria Leccardi.

Fano: comincia oggi il collegiale estivo

È tempo di allenamenti estivi anche per il Trampolino Elastico: da oggi i ginnasti della nazionale italiana saranno a Fano per un...

Spagna – Sara Salarrullana si ritira

Nella giornata di oggi, la Federazione Iberica ha annunciato sul suo sito, il ritiro di Sara Salarrullana, componente della squadra d’insieme.Classe 2001,...