15.6 C
Rome
mercoledì, 23 Giugno, 2021

Tokyo, nominati 2 portabandiera

In Evidenza

Fabio Castellihttps://www.ginnasticando.it
Nel 2012 ho seguito un sogno, quello di contribuire a dar voce al mondo della Ginnastica, a raccontarne i protagonisti, i loro sacrifici ma anche tutte le persone che si celano dietro i successi degli atleti. Quel sogno, oggi, è una grande comunità: GINNASTICANDO.it.

In una nota ufficiale, questo pomeriggio, il CONI ha sciolto ogni dubbio su chi porterà la bandiera dell’Italia alla cerimonia di apertura dei Giochi della XXXII Olimpiade.

“PRIMA”STORICA – Per la prima volta nella storia il Comitato Olimpico Nazionale Italiano ha scelto di affidare a due atleti l’onore di fare da portabandiera nella spedizione Azzurra in Giappone.

Saranno, infatti, gli olimpionici Jessica Rossi ed Elia Viviani gli alfieri dell’Italia Team in rappresentanza del Tiro a Volo e Ciclismo.

Peraltro, nella storia dei portabandiera – che vide la sua istituzione nel 1912 quando venne assegnato al ginnasta Alberto Braglia – queste due discipline non avevano mai avuto l’onore di vedere nominati propri atleti in occasione del solenne momento che sancisce l’inizio della manifestazione a cinque cerchi.

Miranda Cicognani portabandiera ad Helsinki 1952

LA GINNASTICA PORTABANDIERA – Il nostro sport ha visto 4 suoi grandi esponenti avere l’onore di condurre, sventolando il tricolore, la cerimonia di apertura. Oltre al già citato Alberto Braglia (Stoccolma 1912) ci furono: Pietro Bragaglia (Londra 1908, prima volta in cui ci fu la sfilata), Miranda Cicognani (Helsinki 1952, prima donna in assoluto e la più giovane di tutti i tempi con i suoi 15 anni) e Jury Chechi (Atene 2004).

IPOTESI FERRARI – Dopo il bronzo conquistato a Basilea, il Presidente della FGI Tecchi si era molto esposto, anche con i media, dicnedo che avrebbe proposto a Malagò il nome della Ferrari come portabandiera.

Poche ore fa, proprio al termine della Giunta CONI che ha assegnato a Rossi e Viviani questo onore, il numero uno della Ginnastica italiana ha rilasciato alcune dichiarazioni all’AdnKronos dicendosi non rammaricato dalla scelta della Giunta del Coni.



“Ognuno pensa al proprio sport e Vanessa per la sua storia sportiva poteva assolutamente essere presa in considerazione – ha dichiarato Tecchi – Detto ciò i portabandiera potevano essere solo due e la scelta non è criticabile. Ora non ci rimane che incrociare le dita e sperare che Vanessa arrivi al top alle Olimpiadi e riesca a conquistare quella medaglia che le è sempre sfuggita per coronare la sua strepitosa carriera”.

Sostieni GINNASTICANDO.it : mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

Lo Staff di GINNASTICANDO.it svolge quotidianamente il suo lavoro offrendo contenuti gratuiti dall'intero mondo della Ginnastica: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste, foto e tanto altro. Questo, mosso solamente da pura passione. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Il tuo sostegno quindi, anche minimo, può essere di enorme aiuto per la nostra attività. Fai la tua donazione cliccando il bottone di seguito.
Diventate utenti sostenitori.
Grazie

Fabio Castelli


Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie